Stampaggio a iniezione di componenti a struttura leggera

Risparmio sui costi, aumento dell'efficienza, conservazione delle risorse ambientali o riduzione delle emissioni di CO2: la modalità costruttiva a struttura leggera intesa come "risoluzione dei problemi" rappresenta il futuro in diversi settori. Ridurre il peso dei pezzi mantenendo inalterate o migliorando le loro caratteristiche meccaniche: per raggiungere questo obiettivo sono necessari processi di stampaggio a iniezione innovativi.

Grazie a una rete di partner competenti e alla stretta collaborazione con le università, ARBURG sviluppa sempre nuove soluzioni per lo stampaggio a iniezione di componenti a struttura leggera. L'offerta va dalla creazione di prodotti specifici tramite la modifica dei processi e dei materiali fino al design multimateriale. Ne risultano equipaggiamenti supplementari e processi in serie associati a servizi di consulenza dall'elevata competenza.

Schiumatura fisica

Per quanto riguarda la schiumatura fisica dei materiali termoplastici, ARBURG offre due processi: ProFoam e MuCell®. In entrambi i casi, il granulato plastico viene arricchito con propellente liquido prima dell'iniezione. L'uso di tecnologie compatibili tra loro e la perfetta integrazione nell'unità di comando SELOGICA costituiscono due presupposti ideali per la modalità costruttiva a struttura leggera.
al video

Highlights

  • Modalità costruttiva a struttura leggera con riduzione del peso: realizzare strutture cellulari molto minute, risparmiare sul materiale
  • Struttura omogenea della schiuma: pezzi stampati a iniezione più leggeri con minori avvallamenti, ritiri e deformazioni
  • Efficienza del processo ProFoam: facile regolazione del processo con propellente liquido allo stato gassoso e possibilità di utilizzare le presse per lo stampaggio a iniezione tradizionale senza alcuna limitazione
  • Pacchetto MuCell® specifico per le esigenze dell'utente: modulo cilindro con vite di plastificazione speciale, ugello pneumatico con ago otturatore e sistema di dosaggio SCF

Downloads
Rivista clienti today 65, pagg. 12-13 "Pöppelmann: Frank Schockemöhle a proposito dei vantaggi della tecnologia ProFoam" (PDF - 3,7 MB)
Rivista clienti today 59, pagg. 14-15 "Leggeri ma resistenti" (PDF - 3,9 MB)
Prospetto: Stampaggio a iniezione di componenti a struttura leggera (inglese) (PDF - 1,6 MB)

Processo di miscelazione a fibra lunga

Nella miscelazione a fibra lunga (FDC), tramite l'alimentazione laterale nell'unità di iniezione, vengono alimentate direttamente fibre lunghe fino a 50 mm nella massa fusa allo stato liquido. In questo modo il danneggiamento delle fibre durante la preparazione del materiale è ridotto al minimo. È possibile impostare la lunghezza desiderata delle fibre e la loro percentuale, nonché la combinazione di materiali.
al video

Highlights

  • Modalità costruttiva a struttura leggera con maggiore resistenza: aumentare la resistenza dei componenti, ridurre lo spessore della parete
  • Elevata flessibilità: presse utilizzabili senza limitazioni per lo stampaggio a iniezione convenzionale
  • Impostazione personalizzata del processo: controllo mirato della produzione dei pezzi
  • Vantaggio economico: materiali in uscita (plastiche e filati tagliati in fibra di vetro) più convenienti dei granulati in fibra lunga
     

Downloads
Rivista clienti today 70, pagg. 12-13 “Progetto FuPro: ARBURG sviluppa una tecnologia di presa per soluzioni di sistema per la modalità costruttiva a struttura leggera” (PDF - 4,3 MB)
Rivista clienti today 70, pagg. 8-9 “deller plastics: la compoundazione diretta di fibre lunghe porta vantaggi competitivi a livello mondiale” (PDF - 4,3 MB)
Rivista clienti today 63, pagg. 18-19 “ROS: compoundazione diretta di fibre lunghe per ridurre sia i costi che il peso dei componenti” (PDF - 3,6 MB)
Rivista clienti today 56, pagg. 26-27, "Fuoco e fiamme" (PDF - 3,9 MB)
Rivista clienti today 50, pagg. 6-7 "Fibre lunghe, componente resistente" (PDF - 4,8 MB)
Prospetto: Stampaggio a iniezione di componenti a struttura leggera (inglese) (PDF - 1,6 MB)

Sovrainiezione di compositi termoplastici

Grazie alla combinazione di stampaggio a iniezione e termoformatura di compositi termoplastici il livello di resistenza dei pezzi stampati rinforzati è molto più elevato. Questo permette l'integrazione di rinforzi aggiuntivi tramite nervature o di elementi funzionali come rinforzi.
al video

Highlights

  • Modalità costruttiva a struttura leggera con design multimateriale: pezzi stampati a iniezione altamente resistenti, elevato potenziale per la sostituzione di materiali metallici
  • Processo produttivo completamente automatico: lo stampaggio a iniezione permette di realizzare componenti strutturali pronti per il montaggio da compositi termoplastici
  • Ideale per la grande produzione in serie: tempi ciclo analoghi a quelli per lo stampaggio a iniezione

Downloads
Rivista clienti today 60, pag. 24-25 "Verso il futuro con componenti dal peso ridotto" (PDF - 3,9 MB)
Rivista clienti today 53, pag. 13 "Anche un grammo è importante" (PDF - 3,6 MB)
Prospetto: Stampaggio a iniezione di componenti a struttura leggera (inglese) (PDF - 1,6 MB)

Processo PCIM

Lo stampaggio diretto di particelle di schiuma espansa (PCIM) crea un legame indissolubile tra un pezzo in schiuma stampato a iniezione e il materiale plastico impiegato. La struttura multimateriale coniuga i vantaggi di entrambi i materiali, consentendo la realizzazione di componenti a struttura leggera con caratteristiche funzionali. Il risultato? Pezzi stabili dal peso ridotto o prodotti con rinforzo in grado di assorbire forze.
al video

Highlights

  • Modalità costruttiva a struttura leggera con integrazione delle funzioni: lo stampaggio a iniezione realizza componenti già pronti per il montaggio da pezzi in particelle di schiuma espansa leggeri, in grado di assorbire forze e isolanti
  • Componenti resistenti alle sollecitazioni: combinazione durevole e indissolubile tra particelle di schiuma espansa (EPP, EPS) e materiali termoplastici (ABS, PP, TPE)
  • Partnership strategica: ARBURG, Krallmann e RUCH NOVAPLAST insieme per lo sviluppo congiunto

Downloads
Rivista clienti today 56, pagg. 6-7, "La plastica può offrire di più" (PDF - 3,9 MB)
Rivista clienti today 51, pagg. 12-13 "Insieme sempre più avanti" (PDF - 3,7 MB)
Prospetto: Stampaggio a iniezione di componenti a struttura leggera (inglese) (PDF - 1,6 MB)

Stampaggio ad iniezione con FIT

Se durante la fase d’iniezione viene introdotto gas (GIT) o acqua (WIT) nella cavità grazie alla tecnologia d’iniezione fluidi (FIT), è possibile creare degli spazi vuoti mirati all’interno del componente. In questo modo è possibile ottenere, in parte, notevoli risparmi di materiale e riduzioni del tempo di ciclo.

Highlights

  • Ampia offerta: Tutte le serie ALLROUNDER sono adatte alla lavorazione di FIT
  • Ugelli con chiusura ad ago GIT: Solo un punto d’iniezione gas e punto d’iniezione sul componente stampato
  • Cicli liberamente programmabili: Il gruppo di controllo SELOGICA consente di commutare dall'iniezione di acqua o gas in funzione alla pressione, corsa oppure tempo

Downloads
Prospetto: Stampaggio a iniezione di componenti a struttura leggera (inglese) (PDF - 1,6 MB)