Stampaggio di silicone

Lavorazione di silicone liquido (LSR) e silicone solido (HTV)

Grazie alle loro proprietà materiali e alle caratteristiche di lavorazione universali, i pezzi stampati in silicone liquido (LSR) offrono numerosi campi di applicazione, ad es. per la produzione di giunzioni in materiale rigido/morbido e nella tecnologia medicale. Sono possibili anche applicazioni con camera bianca, come mostrano i seguenti filmati.

Orologio da polso in silicone liquido bicomponente

Montaggio in fase di stampaggio a iniezione
ARBURG dimostra il proprio know-how nello stampaggio a iniezione di multicomponente, nonché nell'automazione e nella lavorazione del silicone liquido (LSR). Un efficiente impianto "chiavi in mano" realizza i cinturini da due componenti in silicone liquido e monta gli orologi completamente in automatico in fase di stampaggio a iniezione.

Una ALLROUNDER 570 A bicomponente elettrica, con una forza di chiusura di 2.000 kN e le unità d'iniezione delle dimensioni 400 e 70 posizionate rispettivamente a "L", producono in 60 secondi di tempo ciclo con uno stampo a 2+2 impronte completamente in automatico cinturini bicolore nei siliconi liquidi (LSR) Silopren 2670 e 2620. Un sistema robot lineare MULTILIFT V 15 estrae i pezzi stampati a iniezione e li deposita in una stazione di raffreddamento e successivamente in una stazione di montaggio. Qui vengono completati in un orologio da polso pronto all'uso. A questo scopo le casse vengono predisposte in posizione corretta per mezzo di vassoi e le chiusure a clip per mezzo di un sistema di alimentazione.

Tubi flessibili per infusione

Produzione con silicone liquido (LSR) in camera bianca
Tra le applicazioni specifiche per la tecnologia medicale, una delle più interessanti è sicuramente la produzione di tubi flessibili monouso in silicone per l’utilizzo con pompe ad infusione. La pressa ad iniezione elettrica e l’impianto di dosaggio assicurano gli standard più elevati di precisione e purezza.

La pressa ALLROUNDER 470 A elettrica con cappa di depurazione aria è collegata a una camera bianca e dispone di uno stampo a 8 impronte con tecnologia a canale freddo, un kit LSR con aggiornamenti software per il gruppo di controllo SELOGICA, un modulo cilindrico LSR con una speciale geometria della vite e una serie di interfacce aggiuntive. Tramite un apposito nastro trasportatore integrato, i pezzi vengono portati direttamente nella camera bianca, dove vengono ulteriormente lavorati.

Sensore luce/pioggia

Giunti in LSR
Il silicone liquido compensa le eventuali curvature: grazie ad un giunto in LSR è possibile unire in modo ottimale un sensore luce/pioggia ad un parabrezza auto. Una pressa multicomponente inietta silicone liquido a bassa viscosità (5 Shore A) su un telaio in PBT nel quale vengono inseriti i sensori.

La produzione di giunti in materiale morbido/rigido con un componente in silicone richiede standard elevati in termini di tecnologia stampo e pressa, in quanto è necessaria una separazione termica nello stampo. Il giunto viene stampato in PBT e LSR su una ALLROUNDER 570 A bicomponente completamente elettrica con una forza di chiusura pari a 2.000 kN. In un tempo di ciclo di 38 s si producono quattro prestampati e quattro componenti finiti del peso di 4,53 g ciascuno.

Alloggiamento tastiera

Lavorazione simultanea di termoplastici e LSR
Per la produzione di tastiere per lavastoviglie vengono abbinati su una pressa ad iniezione elettrica della serie ALLDRIVE un materiale termoplastico e del silicone, accoppiandoli in modo da ottenere un composto rigido/morbido. È possibile mescolare materiali con caratteristiche diverse in un’unica fase di produzione in modo mirato.

In questo caso è soprattutto ambiziosa la lavorazione simultanea di materiali “caldi” e “freddi” in un unico ciclo e stampo: LSR lega ad alte temperature mentre il PA deve essere raffreddato. Le rispettive zone nello stampo devono quindi essere termicamente separate, l’una dall’altra, con appositi isolamenti. Pertanto in questo caso è particolarmente adatta la tecnologia di trasferimento: i pezzi stampati vengono spostati nello stampo tramite un sistema robot MULTILIFT.