ARBURG all’Euromold 2014

Due freeformer realizzano componenti funzionali

24.11.2014
In occasione dell’Euromold, dal 25 al 28 novembre 2014, ARBURG (padiglione 11, stand D25) presenta gli ultimi progressi dell’ARBURG freeforming di materie plastiche (AKF): due freeformer mostrano la produzione additiva industriale di componenti complessi dotati di struttura portante.

Produzione additiva industriale
I due modelli in esposizione sono dotati di un’unità di supporto del pezzo che si muove su tre assi e due unità di scarico fisse. La seconda unità può essere utilizzata per realizzare un componente con peculiarità aggiuntive, ad esempio in diversi colori, con caratteristiche tattili speciali o in combinazione di materiale rigido/morbido. Una novità riguarda la possibilità di produrre strutture complesse utilizzando materiale di supporto speciale.

Applicazioni a due componenti
All’Euromold 2014 un freeformer mostra un perfetto esempio di applicazione attraverso la produzione di un pezzo di ricambio in ABS: in questo caso si tratta di una chiusura scorrevole composta da due parti che viene realizzata con le presse per stampaggio a iniezione ALLROUNDER. Il secondo freeformer, con un metodo fino ad ora unico per la produzione additiva, combina materiale standard elastico TPE con strutture portanti idrosolubili. Possibili applicazioni in questo settore sono rappresentate, ad esempio, dalla realizzazione di tenute a soffietto, tubi flessibili, guarnizioni ad anello o componenti flessibili delle pinze robot.

Novità: strutture portanti per geometrie complesse
Inoltre, è possibile realizzare una struttura portante con lo stesso materiale del componente. Un sottile strato intermedio con punti di rottura teorici appositamente realizzati, assicura che la struttura portante possa essere rotta successivamente con facilità in modo meccanico. Questa variante è da preferire per i componenti che presentano strutture libere e bordi chiari.