ARBURG alla formnext 2017

Più componenti additivi, più materiale, più scoperte

13.11.2017
Alla formnext, dal 14 al 17 novembre 2017, ARBURG presenta un nuovo concetto: allo stand E70, padiglione 3.1, i visitatori potranno fare esperienza diretta con componenti scelti sulle stazioni interattive. Inoltre, un freeformer lavora "dal vivo" polipropilene standard (Moplen).

Nuovo concetto: prova personalmente i componenti creati dal freeformer
"Alla fiera internazionale di Francoforte intendiamo dimostrare in modo concreto che il freeforming di materie plastiche (APF) di ARBURG si presta non solo per la prototipazione ma anche e soprattutto per la produzione industriale additiva", spiega Eberhard Lutz, responsabile commerciale per il freeformer presso ARBURG. "È per questo motivo che abbiamo allestito il nostro stand affiancando a due freeformer quattro stazioni interattive su cui i visitatori potranno prendere in mano componenti scelti per l'esperienza diretta e convincersi personalmente della loro funzionalità e qualità".

Il freeformer lavora ora anche polipropilene parzialmente cristallino
Con la qualificazione del polipropilene standard ARBURG ha ampliato la gamma di materiali con un materiale richiesto. Alla fiera si potrà vedere un freeformer lavorare il polipropilene (Braskem PP CP 393) e il nuovo materiale di supporto armat 12, che verrà poi disciolto in un bagno d'acqua, per produrre morsetti per cavi pronti per l'uso. Le strutture sottilissime, ma tuttavia resistenti, presentano l'effetto clic tipico dello stampaggio a iniezione.

Sistema aperto
Il sistema aperto offre grande libertà agli utilizzatori: i clienti freeformer possono qualificare il proprio materiale originale e ottimizzare in modo mirato per la propria applicazione i parametri di processo liberamente programmabili. È possibile memorizzare e analizzare i dati di processo e ottimizzare rapidamente i disegni per produrre con il freeformer prototipi e componenti funzionali in modo rapido e conveniente.